Il Primo Giorno

Ci presentiamo: siamo Samuele Stefanuto e Stefano Morelli, della classe 3B Informatica dell’istituto ISIS Facchinetti. Abbiamo iniziato lo stage qui in Futura Elettronica il 9 marzo 2015.

Il primo giorno è stato molto emozionante; siamo stati accolti dal sig. Landoni e ci è stato spiegato ciò che avremmo dovuto fare nei giorni seguenti e ci è stato detto inoltre di documentare su questo blog con ogni cosa che facciamo ogni giorno.

Dopo una piccola introduzione, ci siamo avviati in magazzino, dove ci è stato fatto fare un giro dell’azienda e dove abbiamo conosciuto la maggior parte dei dipendenti.

Il primo compito che ci è stato assegnato è stato quello di montare la stampante 3D Vertex®.

Da quel momento ci siamo messi all’opera!

Infinity Mirror-Vu Meter

Il progetto svolto unisce l’effetto generato da un infinity mirror (attraverso il quale è possibile ottenere un’immagine ripetuta continuamente tramite degli specchi) a quello di un vu meter.
Il primo passaggio del progetto è stato la ricerca di informazioni (codici per arduino, materiale necessario, eventuali progetti simili, ecc…) per poi successivamente passare a una lavorazione dell’hardware.
Nel progetto finale sono presenti:

-Shield RGB che permette di gestire i led (red -green – blue)
-Spectrum shield necessaria per poter analizzare e suddividere la frequenza audio dei suoni/canzoni utilizzati come input..
La realizzazione dei filtri passa alto/basso/banda è stata un primo tentativo, ma nonostante le formule applicate e ricontrollate non risultavano performanti a dovere, optando dunque per una shield apposita, i filtri sono stati controllati attraverso PCSU200 un oscilloscopio per pc, con la quale è stato possibile compiere dei test.
Dopo aver dissaldato i cavi per la gestione dei led dal “Led tunnel lamp”, prodotto da cui sono stati utilizzati led e infinity mirror.
Dissaldando i vari fili del prodotto e saldandoli alla nostra scheda è stato possibile accedere alla gestione dei led, facendo in modo che essi funzionassero a ritmo di musica.

Il codice è il seguente:

//Specifica i pin Reset, Strobe
int spectrumReset=7;
int spectrumStrobe=4;

//Specifico il canale di ingresso
//pin A0 per canale destro
//pin A1 per canale sinistro
int spectrumAnalog = 1; //canale sinistro

//creo un vettore per contenere i valori analogici
//delle 7 bande
int Spectrum[7];

void setup()
{
//pin reset e strobe in output
pinMode(spectrumReset, OUTPUT);
pinMode(spectrumStrobe, OUTPUT);

//inizializzo lo spectrum shield
//Strobe
digitalWrite(spectrumStrobe,HIGH);
delay(1);
digitalWrite(spectrumStrobe,LOW);
delay(1);

pinMode(3, OUTPUT);
pinMode(5, OUTPUT);
pinMode(6, OUTPUT);

}

void loop()
{
//esegui la lettura ogni 10mS
readSpectrum();
/*analogWrite(3, Spectrum[1]);
analogWrite(5, Spectrum[2]);
analogWrite(6, Spectrum[0]);*/
//delay(10);

}

void readSpectrum()
{
//Questa funzione legge il valore analogico per ogni banda
//e ne rappresenta il valore tramite dei led

byte Band;
//questo ciclo for viene eseguito 7 volte
for(Band = 0; Band < 7; Band++)
{
//eseguo due letture per poi dividerle per due tramite
//spostamento di bit. Il valore ottenuto viene memorizzato
//nel vettore
Spectrum[Band] = (analogRead(spectrumAnalog) + analogRead(spectrumAnalog) ) >>1;

//invio un impulso al pin strobe per passare al filtro successivo
digitalWrite(spectrumStrobe,HIGH);
digitalWrite(spectrumStrobe,LOW);
}

//una volta effettuata la memorizzazione dei dati
//nel vettore, creo un altro ciclo for
//per rappresentare gli stessi tramite led

for (byte Ciclo = 1; Ciclo < 5; Ciclo++)
{

if(Ciclo==2) //per fare in modo da saltare il pin 4, e passare al pin 5
Ciclo=Ciclo+1;
//recupero il valore memorizzato nel vettore
//traslo il valore intero in un byte
byte x = map(Spectrum[Ciclo], 0, 1023, 0, 255);
int R,G,B;
R=map(Spectrum[6],0,1023,0,254);
G=map(Spectrum[3],0,1023,0,254);
B=map(Spectrum[1],0,1023,0,254);
//se il valore supera una soglia accendi il led
//altrimenti spegnilo
if( x > 120 )
{
if(Ciclo+2==5)
{
analogWrite(Ciclo+2,G);
delay(10); //delay necessario per far funzionare i led a dovere
}
if(Ciclo+2==3)
{
analogWrite(Ciclo+2,R);
delay(10);  //delay necessario per far funzionare i led a dovere
}
if(Ciclo+2==6)
{
analogWrite(Ciclo+2,B);
delay(10); //delay necessario per far funzionare i led a dovere
}

}
else
digitalWrite(Ciclo + 2, LOW);
}
}

 

Infinity mirror - vu meter

Infinity mirror – vu meter

Infinity mirror - vu meter // shield

Infinity mirror – vu meter // shield RGB e spectrum con arduino

Infinity mirror - vu meter

Infinity mirror – vu meter

Infinity mirror - vu meter

Infinity mirror – vu meter // spectrum shield

Infinity mirror - vu meter

Infinity mirror – vu meter // shield RGB

Filtri: -passa alto -passa banda -passa basso

Filtri:
-passa alto
-passa banda
-passa basso

-Stefano Carraro

Quarto Giorno Di Stage

Seguendo le indicazioni di Alessandro abbiamo svolto i seguenti compiti:
Abbiamo preso in esame un pacco contenente componenti difettosi, testandoli e sostituendoli nel caso non funzionassero o in caso contrario segnalando al cliente il funzionamento dell’oggetto.
Successivamente abbiamo assemblato 100 kit per stampanti 3d, con dentro il materiale necessario.
Abbiamo portato avanti il test sulla centrale metereologica, ma non sono ancora stati individuati i problemi di quest’ultima
Nel pomeriggio abbiamo riparato una stampante 3d inviata da un cliente, correggendo la posizione di alcuni pezzi essa è tornata a funzionare senza mostrare alcun problema di stampa.
In fine abbiamo Inserito dei libretti di istruzioni all’interno delle rispettive scatole successivamente riposte in magazzino.

Terzo Giorno Di Stage

Siamo stati seguiti da Alessandro, che ci ha spiegato come compilare i moduli e le email per i clienti inerenti ai prodotti non funzionanti.
Abbiamo iniziato a esaminare scatola per scatola, in alcuni casi riscontrando i problemi segnalati dall’utente, in altri invece il prodotto funzionava perfettamente.
Tra questi è stata presa in esame una centrale meteorologica, di cui il problema non è ancora stato individuato e verranno effetuati altri test nei giorni seguenti.
E per ultimo abbiamo registrato i prodotti guasti in un apposito programma risistemandoli e dividendoli come stabilito, inserendoli nei corretti scaffali.

Il secondo giorno di stage

Appena arrivati a Futura, Francesca ci ha incaricato di montare altri kit, dandoci alcune istruzioni abbiamo incominciato subito.

I kit da noi montati:

RandA: una scheda di sviluppo Raspberry e Arduino, capace di unire i due per ottenere un potente sistema capace di unire la potenza di un “computer” come Raspberry e la capacità di Arduino di gestire porte I/O , analogiche e PWM.

IMG_5076

Il secondo Kit che abbiamo assemblato è Starter Kit v5 con arduino UNO R3 esso contiene tutto il necessario per utilizzare questa piattaforma hardware open-source ormai diffusissima in tutto il mondo, comprende:

– Arduino UNO REV3                                                                                                               – Cavo USB                                                                                                                               – Breadboard 400 contatti                                                                                                         – Motore elettrico DC 3 Vdc 350 mA 14200 rpm                                                                     – Relè miniatura 12 V 1 scambio                                                                                               – Fotoresistenza                                                                                                                       – 2 LED RGB                                                                                                                          – 3 LED rossi 5 mm                                                                                                                – 3 BS170 NMOS 50V 0,5A                                                                                                     – Connettore Strip maschio 40 POLI passo 2,54 mm                                                             – Confezione 10 Jumper rosso e nero                                                                                    – 3 mini pulsanti da C.S.                                                                                                           – Transistor NPN BC547B                                                                                                       – Resistenze                                                                                                                             – Potenziometri                                                                                                                         – Buzzer                                                                                                                                   – Servomotore                                                                                                                           – Diodo                                                                                                                                       – LCD 16×2

IMG_5081 - Copia

 

Il pomeriggio abbiamo assemblato degli scaffali utilizzati per l’antibagno e la mensa.

Per ultimo abbiamo assemblato un shield di controllo per un cnc IMG_5110 IMG_5119

Il risultato finale

 

 

 

IMG_5122 IMG_5124

 

Il primo giorno di stage

Il primo giorno di stage è iniziato con un colloquio con il signor Landoni sul programma delle due settimane di stage, e presentazione e sviluppo di idee per la realizzazione del progetto. La prima settimana lavoreremo con i dipendenti di Futura Elettronica imparando cosi tutti i processi che servono per arrivare a un prodotto finito, pronto per l’utilizzo. Nella seconda settimana invece ci dedicheremo a un progetto a nostra scelta utilizzando Arduino con l’ausilio del signor Landoni e del magnifico staff di Futura.

Dopo il colloquio Francesca ci ha incaricato di assemblare alcuni kit come FT520AK, PNP5…                                                             IMG_5074

Giorni precedenti allo stage

Ci presentiamo,

Siamo Samuele e Stefano , veniamo dall’istituto I.S.I.S Cipriano Facchinetti e frequentiamo il terzo anno di studi con indirizzo informatica.

Nei due giorni precedenti allo stage siamo stati invitati a partecipare a un corso base di elettronica e arduino. Ci sono stati forniti i kit necessari per seguire i corsi, essi comprendevano:

– Un multimetro digitale                                                                                                             – Una breadboard                                                                                                                     – Resistenze di vario valore                                                                                                     – Led Rosso, verde, RGB                                                                                                        – Cavi per breadboard                                                                                                             – Arduino UNO R3 -Potenziometri                                                                                           – Servo Motore                                                                                                                         – Mosfet                                                                                                                                    – Buzzer

Grazie a questi due corsi abbiamo potuto assimilare tutte quelle nozioni di base che ci serviranno per affrontare al meglio lo stage. Alla fine di essi ci sono stati rilasciati due attestati di partecipazione.

Music Fingers

Progetto realizzato da Lista Giuseppe e D’Aniello Simone.

Questo progetto nasce dalla passione maturata per la musica di entrambi gli ideatori,unita a quella per l’informatica e l’elettronica.

Il progetto consiste nel far muovere a tempo di musica dodici dita,collegate ognuna ad ogni nota musicale su una pianola con l’aiuto dei servomotori.

Sotto sono allegate varie immagini con relative descrizioni.

 

SAMSUNG

  •  Una panoramica del materiale usato.

SAMSUNG

  • Per il progetto è indispensabile l’utilizzo della scheda Arduino Uno .

SAMSUNG

  • Le canzoni verranno eseguite tramite la lettura dei file RTTTL salvati all’interno di una micro-sd,che è possibile interfacciare con arduino tramite la shield ethernet/SD.

SAMSUNG

  • Mentre per la visualizzazione e la scelta delle canzoni da riprodurre abbiamo utilizzato la shield LCD DisplayTech 162B.
  • Attraverso la pulsantiera situata sopra di essa si potrà decidere di selezionare la canzone successiva o precedente tra le varie disponibili,mentre il primo tasto corrisponde alla conferma della canzone da riprodurre .

SAMSUNG

  • Qui abbiamo un’immagine che mostra il collegamento tra la breadboard e la scheda-SD21

SAMSUNG

  • Qui invece è raffigurato uno dei dodici servi , i quali permettono il movimento delle dita.

SAMSUNG

  • Inizialmente era una mano completa che poi è stata modificata per ottenere le relative dita mostrate in figura,per eseguire questa procedura è stato utilizzato il software SketchUp ed infine stampate con la stampante 3DRAG.

SAMSUNG

  • Questa è la pianola utilizzata dove suoneranno le dita.

SAMSUNG

 

  • Ed infine un’immagine che sintetizza il progetto.

 D’Aniello Simone e Lista Giuseppe.